Il vocabolario della pellicecria

Il vocabolario della pellicceria i termini più utilizzati nel nostro settore

La lingua utilizzata è l’inglese quindi anche i termini lo sono di conseguenza.

CITES: La Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES) regola invece gli scambi commerciali delle speci per le quali esiste un rischio, effettivo o anche solo potenziale, di estinzione mentre l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (UCN) si occupa dell’attento monitoraggio dello stato globale delle risorse naturali per garantirne un uso ecologicamente sostenibile.

BITES/CLIPS: significa morsi. Questi difetti si trovano sulle pelli Damaged (danneggiate) Le cicatrici derivanti dal combattimento e dell’accoppiamento appaiono come macchie scure o rosse o buchi sulla cuoio.

BREEDER: è una tipologia di visone che non ha superato la selezione primaria e che è cresciuto per scopi di riproduzione. Queste pelli sono generalmente di scarsa qualità, in particolare per quanto riguarda il colore e la pancia può spesso essere più marrone o macchiato.

BURNT: in italiano bruciato. La pelle potrebbe essersi asciugata troppo velocemente. In tal caso la pelle avrà un aspetto satinato. Oppure, la pelle potrebbe non essere stata lavata correttamente; Una pelle bruciata si spezza facilmente al tatto e potrebbe benissimo cadere a pezzi durante il processo di concia.

COARSE: IL GUARD HAIR (pelo più lungo) é ruvido e rigido; secco al tatto.

COVERAGE: la densità del pelo più lungo per pollice quadrato. Una buona copertura si verifica quando l’underfur / underwool non è visibile attraverso il pelo lungo

DENSITÀ:  è la concentrazione del sotto pelo (underwool ); spessore del sottopelo

FLANKS: i fianchi di una pelle

FLAT: il pelo lungo e il sotto pelo sono stesi invece che essere irti. La pelle manca di supporto per il sotto pelo

FLOW: é un termine molto importante che gioca un ruolo importante nella classificazione delle pelli. Se muovi il dito o la mano dalla coda verso la testa, contropelo rispetto al pelo lungo, si riesce a spostare il pelo lungo nella direzione del movimento. Se il pelo lungo cade bruscamente allora c’e’ forza alla base nel cuoio e si dice che “fluisce”. Un pelo lungo debole rimarrà invece nella posizione in cui é stato premuto.

GREASY: una pelle scuoiata non curata, pelle raschiata in modo incompleto; grasso in eccesso su pelle e pelliccia.

GROTZEN:  è una striscia di pelo lungo di colore più scuro corre lungo il centro della schiena si manifesta in alcune specie o fasi della muta del pelo.

GUARD HAIR: é il più lungo e robusto dei due tipi di peli in una pelle; si estende al di sopra del  sotto pelo (UNDERFUR)

HAIRSLIP: termine utilizzato quando la pelliccia di un visone si stacca durante le fasi della concia. Potrebbe derivare da una pelle contaminata.

LOOSE: la lana non ha resistenza, non è fitta; l’ underwool è privo di densità.

MATTS: noduli annodati a causa dello sporco, grasso, sangue o linfa degli alberi. A volte appaiono come macchie grigie sulla pelle.

METALLIC HAIRS (peli metallici): questa condizione si presenta nel visone scuro ed è caratterizzata da un aspetto argenteo del pelo lungo se osservato dalla testa alla coda. Questo può coprire da area relativamente piccole o estendersi su tutta la pelle.

MOTTLED: sono macchie scure che a volte si presentano nel visone pastello.

NAP: è l’estensione del pelo lungo oltre il sotto pelo può essere LONG (lungo), MEDIUM (medio), SHORT (corto).

PRIME: parola usata per descrivere un animale al culmine della sua condizione. In altri periodi dell’anno potrebbe essere troppo presto o troppo tardi (early prime o over prime).

SILKY (setoso): sono peli lisci e morbidi

SINGE (singhiozzo): questa condizione può essere riconosciuta da un attento esame del pelo lungo che mostrerà un distinto arricciamento delle punte risultando con un aspetto a “singhiozzo”.

SHEDDERS e TAINTED: le “shedders” sono pelli che perdono peli durante l’esame probabilmente a causa di una cattiva lavorazione. Le pelli “tainted” presentano perdite di pelo tali da evidenziare chiazze di cuoio.

SLIGHT: è una pelle leggermente danneggiata / cacciata; piccoli fori o cicatrici, piccole aree mancanti di pelliccia; fori di un piccolo proiettile o leggeri segni di trappole.

SPRINGY: si definisce tale la pelle rigida, asciutta, venosa; la pelliccia è solitamente rotta.

SUMMER SKIN: la pelle di un animale di allevamento o catturato in estate; il pelo è piatto e di scarsa qualità.

TRAP MARK:  mostra come un segno leggermente curvo attraverso la pelle, di solito attraverso la schiena o qualche volta alla fine della testa. L’estensione varia; se é molto evidente quasi certamente ha provocato un danno alla pelliccia.

UNDERFUR (sottopelo): chiamato anche “lana” o “underwool”; é il pelo più corto e più sottile che supporta il GUARD HAIR, cioè il pelo più lungo.

UNDERWOOL: chiamato anche “lana” o “sotto pelo”; é il pelo più corto e più sottile che supporta il GUARD HAIR, cioè il pelo più lungo.

WEAK PELT: che manca di densità

WEIGHT: profondità dell’ underfur (sottopelo).

WOOLLY (pelt ): manca parte del GUARD HAIR con aree di sotto pelo esposte.

MUTATION: è la mutazione delle pelli, ci sono le mutazioni delle pelli di volpe e visone.

DRESSING: è la lavorazione di una pelle dallo stato grezzo alla concia.

TANNERY: è la conceria che si occupa di conciare le pelli.

CLARITY: è la chiarezza del pelo la Kopenhagen Fur ne ha 4 (1,2,3,4) ogni asta ha il suo metodo di grading.

GRADING: è il sistema di classificazione / catalogazione delle pelli che solitamente avviene per tipo, sesso, taglia, colore, clarity, hair lenght e qualità ma dipende dal tipo di pelle e asta.

SORTING: si tratta dell’assortimento delle pelli una volta arrivate alle aste da parte degli allevamenti. Le pelli devono essere selezionate / assortite in base ai principi elencati per il GRADING.

PURPLE, PLATINUM, BURGUNDY, IVORY ||: sono i label della Kopenhagen Fur per la classificazione dei visoni e volpi.

VELVET, CLASSIC, LONG NAP: è l’altezza del pelo secondo i criteri della Kopenhagen Fur

BLACK, XXDK, XDK, DARK, MEDIUM, PALE, XPL, XXPL, XXPL: è la scala dei colori che possono le pelli.

SAGA FURS LUMI ROYAL, SAGA ROYAL e SAGA SUPERIOR: sono i label della Saga Furs