Mifur 2016 Fiera della Pellicceria

Il video del Mifur 2016 Fiera della Pellicceria by Lady Fur

Mifur 2016 Boom dei buyers internazionali alla Fiera della Pellicceria italiana.

Il Mifur ha chiuso i battenti lo scorso 5 marzo, lasciando gli espositori molto soddisfatti.

Dopo la quiete di Hong Kong, nessuno si aspettava tanti visitatori: buyers, designers, professionisti del settore… soprattutto nei primi due giorni la fiera era in pieno fermento.

Molte facce incontrate nei corridoi provenivano dall’estremo Oriente e i dati confermano questa percezione: rispetto al 2015 i visitatori giapponesi sono aumentati del +14.29%, i coreani del +50,95% e quelli provenienti da Hong Kong del +9%.

Anche la Russia riesce a essere presente, frenando la discesa negativa degli ingressi: -15% rispetto al -35% dello scorso anno: finalmente una timida ripresa che ci apre uno spiraglio di speranza per il futuro.

L’area EU (Francia, Germania, Spagna e Grecia) diminuisce la sua presenza con un arresto del -25%, specialmente per la Francia, complice sicuramente la coincidenza con la Fashion Week e le Fiere di moda d’oltralpe. Gli inglesi invece partecipano volentieri (+18.37%) e il Mifur attira sempre più l’attenzione dei department store.

Presenti anche gli Stati Uniti che, seppur in diminuzione rispetto allo scorso anno, non ci fanno mancare i buyer più importanti, specialmente del segmento moda.

Ufficiali le date per l’edizione 2017: dal 24 al 27 febbraio, durante la Settimana della Moda a Milano.

Per visitare la pagina Facebook del mifur

Perché partecipare al Mifur? Perché un brand della moda dovrebbe partecipare al Mifur?

Non avete idea di quanti miei amici designer che hanno brand di accessori, pelletteria, pellicce, abbigliamento mi domandano: dovrei partecipare al Mifur?

Rispondo qui pubblicamente sperando che questo post torni utile.

Penso che partecipare al Mifur per un brand di moda che utilizzi pellame (pelli e pellicce) mixato a tessuti potrebbe essere una buona strategia.

I buyers della pellicceria che hanno potere di acquisto, sono in fase di cambiamento e vogliono rinnovarsi, sono stanchi di rifornirsi dagli stessi brand della pellicceria che propongono quasi tutti ogni anno le stesse collezioni. I buyers stanno cercando un nuovo prodotto dallo stile fresco, non troppo caro, da inserire nei negozi. Questa categoria di buyers difficilmente va alle fiere della moda e se va, comunque, entra in confusione perchè di brand di moda giovani e freschi ce ne sono davvero tantissimi (troppi) in un’unica fiera.

Alcune volte è meglio andare dove non tutti vanno.

A differenza delle fiere della moda che pullulano di buyers bene o male dello stesso target il Mifur offre ai futuri brand un target di buyers diverso che potrebbe mostrare molto interesse alle nuovi collezioni.

La prossima edizione del Mifur sarà decisamente innovativa rispetto a tutte le fiere del settore.

In un post precedente Lady Fur aveva raccontato la mia esperienza personale al Mifur, cliccate qui per leggerlo e per vedere le foto del suo stand.

Ci tengo tantissimo a ringraziare il Mifur, in particolare Elena Salvaneschi (la mamma del Mifur), per avermi dato la possibilità di partecipare a questa grande Fiera la più importante e influente del mondo nel campo della pellicceria. Ringrazio tutto il team del Mifur e il presidente Albertalli.

Qui sotto le fotoLady Fur con followers ed espositori della fiera del Mifur edizione 2016.

Foto scattate al Mifur con espositori e followers

Nel video indosso due pellicce di Via Cappella, una pelliccia di zibellino di Giorgio Magnani, gioielli OPERA Italian Attitude bracciali e anelli in diamanti.

Hair: Isabel Vegas

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *