Remix 2015 vince Yusuf Kalem giovane designer Turco

Remix 2015 la mia esperienza personale a uno degli eventi più importanti del settore

Ci ho messo un po’ a scrivere questo articolo. Lo stavo iniziando come hanno fatto gli altri giornalisti dedicando la prima parte al vincitore del Remix 2015:  Yusuf Kalem giovane designer turco che ha conquistato la giuria presentando una giacca in volpe e visone ispirata alle ali di scarabeo che decorano i soffitti di un palazzo belga e alle opere di Jan Fabre. Poi, mi sono interrotta. Ho pensato:  perché scrivere subito del vincitore quando ho mille altre cose da dirvi?

Bene, allora parto dall’inizio raccontandovi la mia esperienza personale al Remix 2015.

Il 5 febbraio alle 18.30 uscendo dal Mifur la fiera della pellicceria sono corsa al Remix 2015.  Non è la prima volta che parlo del Remix sul mio blog, a settembre infatti mi ero recata a Pechino per il Remix Asia nelle vesti di giudice, cliccate qui per vedere il video.

Prima dell’inizio dello show, ero nel backstage con i giovani designers e dopo il doveroso “in bocca al lupo” scattammo qualche foto insieme. =)

Ecco i nomi dei giovani designers:  Yusuf Kalem il vincitore turco,  Sophie Sälekari di Helsinki (secondo premio) e l’italiano Lorenzo Sisi  (terzo premio),  Aarón Nachtailer  argentino, Yekaterina Ivankova del Kazakistan, Elísabet Karlsdóttir  dall’ Islanda, Haoliang Sun cinese, Lotte van Dijk dei Paesi Bassi,  Nicolas Martin Garcia dall’ Italia, Polina Zubakina dalla  Russia, Yelda Şebnem Eker dalla  Turchia e Yuko Koike dal Giappone.

Tutti i designers hanno presentato dei capi in pelliccia fashion ma non eccessivamente creativi, ricchi di intarsi, stampe, mix di più pelli come volpe, kidassia,mongolia, coniglio e visone insieme e intrecci di pelli. I capi avevano una forma armonica e il mood era chiaro e deciso.

Quello che più mi ha colpito? Sicuramente le giacche da uomo con stampe geometriche e mix di più tessuti con gli inserti in visone.

Prima della sfilata sono stata qualche minuto nella Vip Room insieme ai giudici del contest e agli associati dell’IFF. La giuria era composta  da figure importanti e molto influenti del settore moda ma con ruoli e visioni diverse:   Sara Maino, Senior Editor di Vogue Italia, Tamu Mc Pherson ex direttrice di Grazia.it – attualmente Style director dell’agenzia creativa Out There e fondatrice di All the pretty birds – lo stilista italiano Gabriele Colangelo, il Group Director of Education dell’Istituto Marangoni Malcolm McInnes, e il giornalista del Corriere della sera Gian Luigi Paracchini.

Oltre ai capi in pelliccia ho amato i video che accompagnavano l’uscita dei capi dei designers tutti molto fashion e di impatto.

Il Remix 2015 supportato da Vogue Talents è stato un grande successo, penso che l‘IFF abbia fatto un grande lavoro.

04032015-04032015-DSC_4568

L’importanza del Remix ma anche degli altri contest lanciati dalle case d’asta

Il nostro settore, quello della pellicceria sta evolvendo tanto e proprio negli ultimi anni si sta verificando un cambio generazionale importante. Questo momento segnerà la storia della pellicceria.

Tante aziende old style stanno chiudendo perché non sono state in grado di rinnovarsi, altre chiudono per la crisi ma ce ne sono altre (più del 20%) che stanno aprendo nuovi brand di moda pellicceria, nuove realtà giovani e innovative con prodotti contemporanei per soddisfare la richiesta del nuovo target di clientela.

Solo +20% perchè fino ad oggi  la comunicazione del nostro settore non è stata molto efficace. I giovani studenti delle scuole di moda nel mondo NON hanno corsi dedicati al nostro settore. Non esistono corsi sulla lavorazione delle pelli né sulla storia della pellicceria.

Infatti uno dei problemi maggiori in Italia (e non solo) è che gli studenti usciti dalle scuole di moda non hanno idea di cosa sia un TAGLIATORE, di come si facciano i carta modelli da pellicceria o di come si usino le macchine per cucire la pelle e molto altro.

Se ci fosse più informazione/istruzione  sono certa che il mondo del fur andrebbe molto meglio e il cambio generazionale sarebbe più netto ma soprattutto più veloce.

Penso che Kopenhagen Fur con Imagine Talents, l’IFF con Remix supportato da Vogue Talents, e Saga Furs con il suo Design Center stiano facendo un grande lavoro nel formare e dare la possibilità a giovani talenti provenienti da tutto il mondo la possibilità di conoscere e lavorare con la pellicceria.

Sono molto felice di poter vivere questa evoluzione in questo momento storico.

Non vedo l’ora di vedere i frutti del grande lavoro fatto dalle aste e dall’IFF.

Amo tanto il mio settore e vederlo crescere mi riempie il cuore di gioia.

Lady Fur

 

Remix Asia

Remix 2014

Mifur 2015

foto Umberto Gorra 

Trucco Matteo Risso

Pelliccia Vladimiro Gioia 
remix 2015 foto vogue talents welovefur
04032015-04032015-04032015-DSC_4392

 

2 Comments

  • Erni scrive:

    Bel post e bella manifestazione.
    Foto super, come sempre
    bacio

  • Valery Dumont scrive:

    Che meravigliosa esperienza dev’essere stata!
    Immagino la tua emozione nel trovarti circondata da tanti giovani stilisti e poter confrontare le tue idee con le loro. Questo è veramente un mondo da favola. Un bacio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *