Intervista a Ryota Shiga

aw13_02

L’intervista a Ryota Shiga: la pelliccia al giorno d’oggi

Parole chiave: Ryota Shiga, Giappone, designers, moda, pellicceria, pelletteria, nuovi talenti, interviste

 

Ci sono molti designer talentuosi che rendono la pellicceria e la pelletteria la base del loro lavoro. Oggi, posso dire di avere il piacere e l’onore di intervistare uno di loro: Ryota Shiga.

Nato a Fukushima nel 1985, in Giappone, ha studiato alla Sugino Fashion School nella sua terra natale. Dopo la laurea, è venuto in Italia per lavorare con Antonio Berardi, un importante designer del nostro paese. Visse qui in Italia per un anno e mezzo, iniziando a distribuire la sua collezione in numerosi Paesi, tra cui gli Stati Uniti, la Germania, la Nuova Zelanda, Singapore e la Cina.

Poi, nel 2011, registra Ryota Shiga come un brand ufficiale.

Questa è la sua introduzione, ore permettetemi di dirvi cosa mi ha raccontato.

 

Domanda: Ciao Ryota! Iniziamo subito con le domande. Sai, sono molto interessato alla tua collezione. Cosa ti ispira durante la creazione di una collezione?

 

Risposta: Per me, l’ispirazione maggiore arriva dal regista di animazione Hayao Miyazaki, della Principessa Mononoke. Questa creazione è davvero di grande ispirazione. Inoltre, il futuro degli esseri umani, uniti alla natura e agli animale nella coesistenza naturale, mi aiuta ancora di più.

 

D: Chi sono le tue muse ispiratrici? Ne hai alcune?

 

R: No, non ne ho. Cambiano con il tema della stagione. Comunque, sono donne che amano la natura e costruiscono il futuro.

 

D: Quali sono le basi della tua ultima collezione?

 

R: Attualmente, ho allestito il mio atelier a Iwaki, a Fukushima, nel 2011 programmando di avere il mio debutto sulle passerelle della Tokyo Fashion Week nel Marzo del 2011. Poi c’è stato il grande terremoto che ha colpito il Giappone durante la preparazione, costringendomi a tornare a Tokyo. Da quel momento, ho cominciato a andare a Fukushima e tornare a Tokyo numerose volte. Ora la mia base vera è a Tokyo.

 

D: Quanta importanza dai al mondo della pellicceria e della pelletteria nelle tue collezioni?

 

R: La pelliccia è il più antico capo di abbigliamento dell’essere umano. I grandi capi degli uomini deprivano agli animali lo spazio per vivere, anche se devono essere lasciati in libertà. Nel terremoto (in Giappone, n.d.r.), la mia città natale è stata colpita dalla grande forza della natura. In quel momento ho sentito la furia della natura e di quanto l’uomo sia debole in confronto. 

Comunque, grazie al potere della scienza umana, è stata una sofferenza solo nostra. Quando consideriamo un futuro sostenibile, penso che il modo migliore sia indossare abiti composti di materiali naturali.

 

D: Cosa ci aspetta nella tua prossima collezione?

 

R: E’ ancora un segreto.

 

D: Quale è il tuo rapporto con la moda italiana, dopo la tua collaborazione con Antonio Berardi?

 

R: L’esperienza con Antonio, in merito all’attuazione di un brand, è stata molto importante. Sono molto grato del lavoro che ho svolto con lui.

 

D: Pensi che la moda orientale influenzi quella occidentale, o viceversa?

 

R: Tutto sta nella differenza tra le due culture. Comunque non è facile, io stesso sono influenzato dall’eleganza occidentale.

 

D: Ora che hai ottenuto molto successo, quali saranno i tuoi prossimi passi?

 

R: Ho un ampio spazio di vedute, in vari paesi, con varie persone con cui collaborare. Vogliamo creare qualcosa che crei un nuovo futuro e una nuova direzione della moda. Poi, prima di tutto, continuerò a migliorare la presentazione della mia collezione all’estero.

 

D: Hai qualche consiglio da dare ai giovani talenti che vogliono creare un proprio brand?

R: Non posso consigliare, posso solo dire di avere passione per quello che fanno per il loro marchio. Penso siamo molto importante avere una missione per la sopravvivenza dello stesso.

www.ryotashiga.com

Antonio Pasolini

Ryota ShigaRyota ShigaRyota ShigaRyota Shiga

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *