Jake Grill, Mano Swartz ed io. Baltimora, giorno 2

Ciao a tutti :) come sono felice di scrivere questo post, soprattutto perché ho un sacco di novità da raccontarvi!
Chi di voi mi segue su Instagram saprà già tutto (o quasi). E chi invece non mi segue… perché non lo fa? Seguitemi :) basta cliccare qui e potrete seguire sempre la vostra amata Lady Fur.
Ma andiamo con ordine.

Mano Swartz, leggendario produttore di pellicce americano che esiste da più di 125 anni, mi ha invitata a Baltimora per vivere insieme una meravigliosa esperienza.

Per visitare lo shop online di pellicce di Mano Swartz
Vi ricordate che meraviglioso benvenuto mi avevano riservato al mio arrivo?
E le sorprese non erano finite… anzi! Richard Swarz e Debbie, sua moglie, mi hanno portata da Jake Grill per farmi assaggiare uno dei suoi leggendari panini.
Promettetemelo, se doveste capitare a Baltimora non perdete l’occasione di assaggiare una delle ottime creazioni culinarie di Jake Grill :) è davvero un’icona della cucina locale.

Jake_Grill_Baltimora_Lady_Fur_06

Un panino di Jake Grill. Come resistergli?

Richard Swartz è stato uno dei primi a credere nel mio progetto, e rimane una delle persone che meglio capisce il mio lavoro senza che io debba fare nulla per spiegarglielo. Insomma SPEECHLESS come dicono a Baltimora.

Grazie alla passione e all’entusiasmo di Richard Swartz il nostro progetto, già in partenza pazzesco, alla fine si è rivelato ancora meglio di quanto potessi sperare! Da un’idea iniziale che si aggirava intorno ai 4, massimo 6 post, siamo arrivati a idearne addirittura 10. È incredibile quanto sia facile lasciarsi trascinare, quando si è in un luogo così magico, circondati da persone entusiaste e cariche di idee!

Bene, non voglio svelarvi troppo.

Prima di salutarvi, parliamo del mio fur look (che potete osservare nelle foto della gallery), così composto: una stola di visone, indossata da me in anteprima ma ben presto disponibile nel nuovo store di Mano Swartz, jeans vintage Levis, una cintura sempre in visone di Mano Swartz e una collana a catena di Mano Swartz 80s.

Prima di salutarvi, vi ricordo il mio ultimo post, in cui mi sono divertita a emulare la campagna promozionale ideata da Dior degli anni ’80 con Christy Turlington avvolta in una pelliccia di volpe cross.

Ancora voglia di viaggiare? Venite con me a Montecarlo, dove sono testimonial esclusiva per Carlo Ramello Couture.

A presto :)

Miao miao

Lady Fur

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *